Cherasco — Madonnina delle Grazie

Gli Archimedi per ricordare Piergiorgio Rossetti

Il trio d'archi Gli Archimedi la famiglia Degiorgis-Rossetti e il Comune di Cherasco vogliono ricordare Piergiorgio Rossetti, morto improvvisamente all'età di 62 anni un anno fa

da sabato

08 Agosto 2020

alle 21:00

a sabato

08 Agosto 2020

alle 23:00

Piergiorgio Rossetti

Geologo, “curioso del mondo”, come lo definisce il dottor Daniele Castelli, collega e amico fraterno, Rossetti era una mente aperta e collaborativa della geologia torinese, figura insostituibile di docente appassionato e attento a tutti gli studenti.

Ha svolto la sua attività di scienziato in tutto il mondo e i suoi lavori sono conosciuti dalla comunità scientifica internazionale.

Contemporaneamente ha accompagnato con passione centinaia di bambini cheraschesi sui fiumi e sui rii del territorio per avvicinarli alla geologia del luogo.

«Padre premuroso e “speciale”, marito dolcissimo». lo definisce la moglie Mara Degioris che con la figlia Carlotta e la famiglia di Piergiorgio ha ideato il concerto.

Gli Archimedi

La musica del gruppo Gli Archimedi rispecchia un po’ l’anima di Piergiorgio, ricercatore, amante di tutto ciò che non è banale, scontato e preconfezionato.

L’impostazione del gruppo è cameristica e allo stesso tempo si dedica alla sperimentazione di brani non solo classici, ma anche folk e jazz.

Il trio non si trova però a metà tra i generi, ma reinterpreta in uno stile unico e del tutto personale il discorso musicale.

«Li ho scoperti dopo la morte di Piergiorgio – aggiunge Mara Degiorgis – ma sono certa che gli sarebbero piaciuti tantissimo».

Organizzato da

Comune di Cherasco

Inizia

08 Agosto 2020

alle 21:00

Finisce

08 Agosto 2020

alle 23:00

Come partecipare

Evento gratuito

Prenotazione obbligatoria

Indirizzo: Madonnina delle Grazie di Cherasco, Cherasco, CN, Italia

Madonnina delle Grazie

Madonnina delle Grazie di Cherasco, Cherasco, CN, Italia
Direzioni ↝

Comune di Cherasco

Graziosa cittadina posta sull'altopiano che domina la confluenza tra il fiume Tanaro e la Stura, è attivo centro agricolo e commerciale, sede di laboratori artigianali per la lavorazione del legno e di apprezzate botteghe di restauro e antiquariato.