Castagnito

by
Castagnito - Panorama

Castagnito – Panorama

Il comune si estende su un vasto territorio che abbraccia le colline del Roero fino al fiume Tanaro, che lo divide dalle Langhe.

Sotto il profilo artistico è interessante la parrocchiale, dedicata a S. Giovanni Battista. A lato della strada che scende in frazione S. Giuseppe, si trova una chiesetta campestre del ’700 con pianta circolare e con pronao in raffinate linee barocche.

Famosi sono i vini di queste colline particolarmente vocate per il Nebbiolo da Roero.

Storia

Le prime notizie di questo comune risalgono alla fine del decimo secolo.

Nel medioevo fu uno dei principali castelli della zona ed è ricordato soprattutto perché nel 1260 il Comune di Asti e il re Carlo di Provenza vi stipularono una tregua d’armi.

Asti lo diede poi in feudo ai Roero, dai quali il castello ed il comune presero il nome.

Cosa fare a Castagnito

Consulta il calendario degli eventi su Piemonte Eventi

Castagnito com’era

Castagnito (1119 ab.). Sorge in sito montuoso, tra fertili colline presso la strada provinciale d’Asti e a 7 chilometri da Canale, con parrocchiale di San Giovanni Battista, di architettura assai buona, e la chiesa dello Spirito Santo, di forma elegante, dell’architetto Carelli, nativo del luogo. Congregazione di carità. A pochi metri dalle due chiese vedonsi, sopra un riailo detto il Castello, le fondamenta di una torre che formava parte di uno dei principali castelli fra ii Tanaro e il Borbore. Grano, meliga, vino e cave di gesso.

Cenni storici. Appartenne alla città d’Asti, la quale lo diede in feudo ai Rotari o Roeri, principali suoi cittadini, dai quali il castello con la villa pigliò anche il soprannome.

Coll. elett. Cuneo III (Alba) — Dioc. Alba — 132 a Guarene, T. a Canale.

Gustavo Straforello – Torino 1891 – La patria. Geografia dell’Italia. Provincia di Cuneo – Volume 1

Related Content

Cosa ne pensi?

*