Alta Langa

Itinerario Dogliani e l’Alta Langa

a Dogliani

Dogliani è strategicamente posto tra le colline del Barolo e la fondovalle del Tanaro, si può considerare una delle porte delle Langhe per chi arriva da Ovest. Storicamente i mercati di Dogliani (il bestiame, il tartufo, il latte e i formaggi) sono sempre stati un riferimento per i paesi limitrofi dell’Alta Langa.

Cos’è l’Alta Langa?

Con Alta Langa si intende il territorio delle langhe che è posizionato oltre i 500/600 metri di altezza, e arriva fino a 900. Sono zone più selvagge, meno glamour di quelle del Barolo. Qui le colline non sono coperte di vigne ordinate, sono più ripide e man mano che si sale di quota i noccioleti lasciano il posto ai boschi.

Offrono però dei paesaggi altrettanto emozionanti e hanno l’indubbio pregio di essere meno frequentate dai turisti, l’ideale per chi cerca percorsi più legati alla natura, ma senza ovviamente trascurare l’enogastronomia.

Nelle trattorie d’Alta Langa infatti si serve spesso il cinghiale, e nel 2011 è nato l’Alta Langa DOCG, uno spumante brut millesimato prodotto fin dai primi anni dell’800, il primo metodo classico italiano!

Dogliani è al confine tra Bassa e Alta Langa, e con i suoi 5000 abitanti è uno dei paesi più grandi del circondario e dove sono presenti diverse strutture ricettive

Strutture Ricettive in alta langa

Azienda Agricola Miellò
Cascine

Miellò

— Mango —

È quindi un ottimo punto di partenza per esplorare l’Alta Langa.

Vi propongo due percorsi, uno che porta al mare e l’altro alla valle del fiume Belbo.

Verso il mare

Possiamo seguire la strada che si usava per raggiungere il mare prima che venisse costruita l’autostrada, uscendo da Dogliani verso Sud e incontriamo Belvedere Langhe. Siamo già oltre i 600 metri di quota, e come suggerisce il nome da qui si può godere di un bellissimo panorama sulla langa sottostante.

Proseguendo sulla provinciale 661 si arriva a Murazzano, 750 metri di altezza. Il paese è famoso per il  formaggio Murazzano DOP, un assaggio è d’obbligo. Da qui si può anche fare un bel giro in bici legato ai luoghi partigiani che descriviamo in questo articolo.

Panorami a 360°

Continuiamo e la strada diventa meravigliosa, siamo sulla dorsale e spesso la vista può spaziare da tutti i lati. Passiamo vicini a Paroldo e alla chiesetta romanica di San Sebastiano e a Sale Langhe col suo castello.

Arriviamo a Montezemolo, famoso per la produzione di miele. Da qui potete deviare e scendere alla Riserva delle Sorgenti del Belbo per un’escursione nella natura più incontaminata. Siamo ormai al confine con la Liguria e in mezz’ora di macchina si scende fino a Savona.

Attraverso la Valle Belbo

Questo percorso ci porta ad incontrare alcuni paesi che affacciano sulla Valle del Belbo, un torrente che nasce nel cuore dell’Alta Langa e porta poi verso la langa Astigiana e il monferrato.

Usciamo da Dogliani verso est, passiamo Somano e arriviamo a Bossolasco, famoso per le rose, e dove spesso vengono organizzate mostre d’arte e pittura. Volendo lo si può raggiungere con un giro in bici da Dogliani che vi racconto in questo articolo.

Da Bossolasco si scende verso la valle e si può risalire a Niella Belbo. Da qui possiamo raggiungere facilmente San Benedetto Belbo, dove sono state ambientate diverse opere dello scrittore Beppe Fenoglio. Possiamo anche seguire la valle lungo la naturale discesa del fiume e risalirne i versanti in prossimità dei paesi che affacciano sulla valle. Incontriamo Arguello con la chiesetta romanica di San Frontiniano o i castelli di Benevello e Cravanzana.

Vista dall’alto

Oppure, sempre da Niella ma nella direzione opposta, possiamo arrivare a Mombarcaro. Anche questo è un luogo di ambientazione Fenogliana, inoltre con i suoi 900 metri d’altezza è considerato la “Vetta delle Langhe”.

Da qui nelle giornate particolarmente terse è addirittura possibile intravedere il riverbero del mare!

Questo modo di procedere ci costringe a continui saliscendi tra un versante e l’altro, e ci offre panorami sempre diversi. Se seguissimo la discesa naturale della valle arriveremmo a Santo Stefano Belbo e Canelli, paesi legati ad un altro grande scrittore delle Langhe, Cesare Pavese. Ma questa non è più Alta Langa, siamo ormai alle porte del Monferrato e dell’Astigiano.

La Strada Romantica

Sono sicuro che rimarrete affascinati da queste colline dove è facile perdersi nelle innumerevoli valli, piccole e grandi, dove spesso si possono percorrere diversi chilometri in una natura non del tutto piegata alle esigenze dell’uomo. Alcuni dei paesi di cui abbiamo parlato sono inseriti nella Strada Romantica: è un percorso in 11 tappe tra Langhe e Roero che vi farà definitivamente innamorare di queste terre!

 

 

 

Feisoglio: la parrocchiale di San Lorenzo

Via della Chiesa, 13-14, 12050 Feisoglio CN, Italia
Scopri ↝

Il castello di Borgomale

Piazza Castello, 12050, Borgomale, CN, Italia
Scopri ↝

Il santuario della Madonna dei Monti

SP103, 12050 Niella Belbo CN, Italia
Scopri ↝

Percorso Pavesiano a Santo Stefano Belbo

Via Stazione, 32A, 12058 Santo Stefano Belbo CN, Italia
Scopri ↝

La parrocchiale dell'Annunziata

Cerreto Langhe, CN, Italia
Scopri ↝

La chiesa parrocchiale di San Nazario

Via Rutte, 4, 12050 Bosia CN, Italia
Scopri ↝

Stai organizzando una vacanza nelle Langhe?

Fatti aiutare a organizzare il viaggio dei tuoi sogni e vivi la tua vacanza da vero insider

Chiedici un consiglio!

Servizio
Gratuito