Govone - Castello (foto By Virginia Scarsi)

Castello di Govone

Govone - Castello (foto By Virginia Scarsi)

Govone – Castello (foto By Virginia Scarsi)

Il castello barocco di Govone è probabilmente l’unico cui abbia messo mano l’architetto Juvarra.

Fu eretto nel 1778 su quello preesistente del 1300 ed è merito dei conti Solaro la trasformazione da fortezza nella fastosa dimora attuale.

I conti Solaro affidarono all’architetto Guarino Guarini i lavori di ampliamento e di abbellimento del castello. L’architetto preparò dei disegni ma non portò a termine il progetto. I lavori ripresero un secolo dopo da parte dell’architetto Benedetto Alfieri che li ultimò partendo proprio dai disegni del Guarini.

Nel 1730 vi soggiornò Jean-Jacques Rousseau, al tempo entrato al servizio del conte Ottavio Solaro.

La bellezza dell’edificio attirò l’interesse di Vittorio Amedeo III di Savoia che, nel 1792,  lo acquistò per uno dei suoi figli e, successivamente fu scelto come residenza estiva insieme al castello ducale di Agliè.

Carlo Felice, ad inizio Ottocento, lo arricchì del grandioso scalone a forbice, adorno di sculture e cariatidi, e fece affrescare il salone da ballo con opere di Luigi Vacca. Ancora del re è la costruzione della scalinata e della galleria che collegano il castello con la Confraternita dello Spirito Santo, in stile neoclassico e del parco.

Dalla fine dell’Ottocento il castello è di proprietà del Comune.

Il castello è visitabile ogni domenica da fine marzo a fine ottobre con il seguente orario: nei mesi di marzo, aprile maggio, giugno, settembre, ottobre al mattino 10-12 e al pomeriggio 15-18 mentre nei mesi di luglio e agosto al mattino 10-12 e al pomeriggio 16-19 le visite sono guidate e l’ingresso intero € 4 ridotto € 3 (olte 65 anni) gratuito fino a 14 anni.

Chiusura: mesi di novembre, dicembre, gennaio, febbraio e nei giorni: Pasquetta (Lunedì dell’Angelo); 1° maggio; 2 giugno; 15 agosto (Ferragosto)

Crediti: foto by Virginia Scarsi

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *