5 cose romantiche da fare nelle Langhe per S. Valentino

5 cose da fare a San Valentino nelle Langhe

Qualche giorno fa Federica ci ha raccontato che il Vino, se usato con accortezza, può essere un ingrediente afrodisiaco per la tua “cena degli innamorati”.

Io vorrei aggiungere che una passeggiata in qualche luogo particolarmente evocativo può aiutarti a preparare e scaldare lo spirito della serata.

Questi suggerimenti valgono sia per chi si trova nelle Langhe in vacanza, sia per gli “indigeni” che magari non hanno ancora esplorato tutto l’esplorabile.

Una passeggiata al Cedro

la morra cedro2

Il Cedro del Libano

Salire al Cedro per anni è stata un’attività che ha caratterizzato le notti dei giovani abitanti della zona, in passato drammaticamente priva di attrattive serali.

Oggi la breve passeggiata è un interessante tappa per gli innamorati in cerca di ispirazione: il grande albero infatti è stato piantato, nel lontano 1856, per suggellare l’amore fra Costanzo Falletti ed Eulaia Della Chiesa.

Un amore che doveva essere solido e con radici profonde, proprio come il Cedro, che rimane oggi a tramandare il ricordo dei due sposi, segno indelebile (almeno fino a quando non ci metteranno una vigna) della forza di questo sentimento.

Un giro nel Bosco dei Pensieri

La-tenuta-di-Fontanafredda

Se cerchi un luogo raccolto e intimo in cui fare due passi, puoi seguire il sentiero del Bosco dei Pensieri di Fontanafredda, fra gli ultimi boschi rimasti intatti nella Bassa Langa travolta dalla “corsa al Barolo”.

Fra piante secolari e noccioleti, stretto in un abbraccio di vigne, il sentiero si articola in dodici tappe, dedicate a temi come “Il silenzio”, “Il pensiero”, “La contemplazione, e via discorrendo.

E se la meteorologia non gioca a tuo favore, puoi sempre ripiegare con una visita alle storicissime cantine di Fontanafredda.

Al Belvedere a godersi il panorama

panoramasuDiano

Se la contemplazione fà per voi, puoi portare la tua dolce metà in uno dei numerosi punti panoramici che costellano le nostre zone.

E se il panorama invernale delle Langhe non ha il fascino lussureggiante del periodo estivo, quello che manca in verde viene tutto restituito in atmosfera.

Con un po’ di fortuna potrai godere di una vista fatta di colline, terrazzamenti, castelli, il tutto pennellato dalla leggera bruma che sale dai campi arati di fresco.

Uno dei belvedere più belli è quello di Verduno, che permette al tuo sguardo di spaziare fino a paesi come Serravalle e Roddino, in Alta Langa. Da qui potrai poi fare un salto all’enoteca del Pelaverga, proprio dall’altra parte della piazza, per assaggiare un bicchiere dell’omonimo vino (specialità ultra-locale), o un genepi caldo.

In alternativa, nelle vicinanze c’è il belvedere di La Morra, il paese più alto della Bassa Langa, che in quanto a vista non ha niente da invidiare a quello di Verduno.

Dopo una breve passeggiata in paese, se ti và, potete scendere verso Barolo e fare una visita alla cantina Sylla Sebaste o alla cantina Francesco Borgogno, per degustare un bicchiere di Barolo DOCG e fare un piccolo aperitivo.

Due passi a Neive

Neive

Neive

Neive è stato dichiarato uno dei 10 borghi più belli d’Italia, e sicuramente si merita tutto questo spatuss (questa gran pompa).

Il centro storico della cittadina è infatti perfettamente conservato, con le sue costruzioni medievali ristrutturate in modo accorto, e tanti piccoli locali in cui bere un bicchiere di vino (o una cioccolata calda, vista la stagione).

Le viuzze strette, gli edifici, e le piccole chiese e piazzette che caratterizzano il paese contribuiscono a creare un’atmosfera intima ed evocativa, ideale per una passeggiata pomeridiana.

E se proprio non hai voglia di cucinare…

sanvalentino12

E se proprio non hai voglia di cucinare con le tue mani, ma vuoi comunque regalare un’esperienza speciale alla tua dolce metà, puoi provare la cena in cantina.

Coccolati da uno chef chiamato appositamente per l’occasione, riveriti da un Sommelier che selezionerà per voi i vini migliori, potrete vivere l’esperienza di una cena davvero esclusiva, circondati dalle botti dove giacciono ad invecchiare i grandi vini del nostro territorio.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *