Alba — MUDI - Museo Diocesano

Sibille, fantasmi e marmellata di pesce

Performance teatrale tra le sale del Mudi e del Museo Civico Federico Eusebio

da sabato

18 Settembre 2021

alle 15:00

a sabato

18 Settembre 2021

alle 18:00

Una performance teatrale itinerante vi farà rivivere le atmosfere del passato percorrendo l’area archeologica del Museo Diocesano e il Museo civico F. Eusebio.

Verrete coinvolti in un’esperienza di visita dove la narrazione storico – artistica di una guida turistica si intreccia con le storie e gli aneddoti raccontati da due guerrieri longobardi e da una misteriosa Sibilla!

Sono previsti 2 turni di visita, alle ore 15:00 e alle 17:00.

L’iniziativa è realizzata con il sostegno della Fondazione CRC ed è l’ultimo appuntamento della rassegna Musei in musica e teatro che nasce dalla collaborazione fra il Museo civico “Federico Eusebio” e il Museo Diocesano, con il sostegno della Fondazione CRC, e punta sul connubio tra l’arte antica e le arti dal vivo, sulla valorizzazione del patrimonio storico artistico cittadino e sulla promozione della cultura musicale e teatrale attraverso le esibizioni di noti e valenti artisti.

Organizzato da

MUDI - Museo Diocesano di Alba

Inizia

18 Settembre 2021

alle 15:00

Finisce

18 Settembre 2021

alle 18:00

Come partecipare

La partecipazione all’evento è gratuita.

I posti sono limitati, pertanto è obbligatoria la prenotazione.

Il ritrovo è al Mudi - Museo Diocesano, ingresso dal campanile della Cattedrale (piazza Rossetti).

La performance teatrale si concluderà al Museo Civico Federico Eusebio.

Indirizzo: Piazza Rossetti, Alba, CN, Italia

MUDI - Museo Diocesano

Piazza Rossetti, Alba, CN, Italia
Direzioni ↝

MUDI - Museo Diocesano di Alba

Il Museo Diocesano di Alba nasce nel 2012 ed è il risultato di una campagna di scavo archeologico condotta tra il 2007 e il 2012 all'interno della Cattedrale di San Lorenzo. Il Museo ospita il lapidario, una raccolta eterogenea di pietre e marmi databili tra il I secolo e il XVII. Visitando il percorso archeologico sotterraneo si possono riscoprire le origini della città romana di Alba Pompeia, i resti della cattedrale paleocristiana e le sue trasformazioni fino al XII secolo.