Letture golose

Conosciamo tutti i vini frizzanti italiani?

Settembre 5, 2014

Le persone che conoscono le diverse tipologie di vino italiano sono principalmente due:

  • sommelier professionisti
  • gli italiani appassionati di vino

Per chi non rientra in nessuna di queste due categorie, potrebbe essere imbarazzante quando, portando a casa di un amico una bottiglia di vino con la convinzione che si tratti di una buona bottiglia italiana, finisca per sentirsi dire che si tratta di “brodo commerciale da quattro soldi”.

calice-prosecco-kennedy-cafe-big

In Italia si produce Champagne?

Beh, non proprio! Ma produciamo spumanti di ottima qualità. Molti di essi dello stesso livello dello Champagne, ma a costi più abbordabili.

Che cosa significa Spumante in italiano?

La parola Spumante indica semplicemente un “vino frizzante”. Spumante non identifica il livello di dolcezza o la tipologia di uve utilizzate.
Ci sono principalmente cinque vini italiani frizzanti tra quelli più conosciuti: Prosecco, Lambrusco, Franciacorta, Asti Spumante e Alta Langa.

Conosciamoli meglio.

Prosecco

Aromatico, fruttato, frizzante, ideale per feste.

Il Prosecco è un vino bianco a Denominazione di Origine Controllata, prodotto in Veneto e in Friuli-Venezia Giulia. Il vitigno base per la produzione di prosecco è il glera, le cui uve devono costituire almeno l’85% del totale. Tale vino si consuma giovane e fresco per cui è consigliabile cercare le vendemmie più recenti.

Si tratta di un vino dal colore giallo paglierino, dall’odore fine e dal sapore di pesca con sfumature di bacche di vaniglia. Il suo sapore e asciutto, lievemente più dolce dello Champagne tradizionale. La varietà rosata, deriva dall’aggiunta di un tocco di Pinot Nero che gli conferisce un gusto di pesca gialla e fragola.

Sulle colline vicino a Conegliano, c’è un importante sub-regione denominata Valdobbiadene, considerata l’area in grado di fornire le uve migliori per la produzione di questo vino. Molti vini prodotti qui possono invecchiare tranquillamente in cantina.

Il metodo classico

Il metodo classico, considerata la tecnica migliore per la produzione di vino frizzante, corrisponde al méthode champenoise della Champagne. I vini prodotti con questo sistema assomigliano molti ai tradizionali Champagne o Cava.

Aspettatevi di degustare bollicine cremose e sapori sfumati di brioche e scorza di limone, vini più corposi rispetto a quelli prodotti nella regione della Champagne in virtù del clima italiano più caldo rispetto a quello della regione francese.

Sorprendentemente, molti produttori che utilizzano il Metodo Classico usano le stesse qualità di uva utilizzate per produrre lo  Champagne, incluso Chardonnay e Pinot Nero. Oggi è possibile trovare molti vini prodotti secondo questa tecnica che reggono perfettamente il confronto con i più famosi brands francesi.

Franciacorta DOCG
Prodotto in Lombardia con Chardonnay, Pinot Bianco e Pinot Nero. Berlucchi e Cà del Bosco sono produttori rinomati di questa regione.

Oltrepo Pavese Metodo Classico DOCG
Vino spumante DOCG la cui produzione è consentita nella provincia di Pavia

Trento DOC
Accanto all’Alto Adige, ai piedi delle Alpi, Trento è famosa per lo Chardonnay e il Pinot Nero. Il Ferrari ne è un grande esempio.

Lambrusco

Il Lambrusco è un vino rosso prodotto in Emilia Romagna. Per lungo tempo, questo prodotto è stato un frizzante e spumoso vino in gran voga durante i party universitari! Oggi, invece, si produce, con il metodo Charmat, un Lambrusco secco con sapori freschi di lievito e un finale amarognolo, quasi assimilabile ad una birra e fatto per essere bevuto giovane.

Alcuni ottimi produttori di Lambrusco sono: Cleto Chiarli, Lini and Ca’ De’ Medici.

Asti Spumante DOCG

Direttamente dalle uve Moscato un vino frizzante dolce e aromatico.

L’Asti Spumante è prodotto esclusivamente con uve Moscato, ragione per cui è uno dei vini frizzanti più dolci prodotti in Italia. Con le sue bolle schiumose, il suo profumo di pera, caprifoglio e pesca gialla, si sposa perfettamente con dolci e cioccolato bianco.

Contrariamente a quanto gli amanti dei vini dolci possano pensare, non è mai stato considerato un vino di alta qualità a differenza del Moscato d’Asti Docg che con le sue vivaci bollicine è molto apprezzato nel mercato statunitense.

Alta Langa DOCG


Bianco o Rosato – è un Brut millesimato (ma si può trovare anche Pas dosé ed Extra dry) artigianale di grande prestigio, circa 350mila bottiglie da poco più di seimila quintali di uva Pinot Nero e Chardonnay  raccolte a mano per essere pressate ancora intere.

Altri unici vini frizzanti italiani

Bracchetto d’Acqui: è un vino piemontese rosso che si beve sia fermo che frizzante.

In Liguria il produttore Bisson lascia che le bottiglie del suo pregiato spumante maturino sul fondale marino a 60 metri di profondità.

In Friuli è possibile trovare numerosi Spumanti dei Colli Orientali fatti con Chardonnay, Pinot Nero, Pinot Bianco e Friulano. Aspettatevi sapori freschi e fruttati.

Sicilia: non ci sono numerosi produttori di vini frizzanti nella regione, eccetto Donnafugata che produce un vino di alta qualità- Brut Metodo Classico con uve Chardonnay e Pinot Nero.

In Puglia, nella zona di Lizzano ci sono numerose Cantine che producono ottimi vini con uve di Chardonnay e Trebbiano dal sapore forte e fruttato.

Parole comuni in materia di Spumante sulle etichette di vino italiano

  • Extra-Brut: 0-6 gr./litro di zucchero residuo
  • Brut: 0-12 gr./litro di zucchero residuo
  • Secco: come il Brut
  • Extra-Dry: 12-17 gr./litro di zucchero residuo
  • Semi-Secco: come l’Extra-Dry
  • Amabile / Dolce: lo dice la stessa parola, denota uno spumante con note dolci

Altri termini per indicare un vino frizzante italiano:

  • d’Acqui: dal nome del comune Acqui Terme, che si trova al confine tra Asti e Alessandria in Piemonte.
  • d’Asti: dal nome di una piccola regione all’interno Piemonte, più conosciuta per i vini di Moscato e Barbera. Asti Spumante è un vino spumante dolce da questa zona.