Noccioleti e vista di Cravanzana (CN)

8 ragioni alternative per scegliere Langhe e Roero

Le colline delle Langhe viste da Roddi

Le colline delle Langhe viste da Roddi

C’è chi preferisce le ordinate geometrie disegnate sui terreni delle Langhe, chi gli aspetti più selvaggi che rendono il Roero meno pettinato con il suo terreno rossastro e le fitte aree boscose delle Rocche.

Due anime diverse con due capitali diverse, Alba da una parte, Bra dall’altra. Abbiamo chiesto a persone di passaggio, turisti e residenti quali sono i punti di forza per cui scelgono di soggiornare in queste zone e perchè amano viverci.

Ne abbiamo selezionati 8, i più gettonati. Ovviamente le risposte più tradizionali: vini, tartufi, cucina non sono state ammesse!

#1 La rete dei sentieri

Gli itinerari escursionistici  sono molteplici e comprendono percorsi di diverse lunghezze e difficoltà, negli anni alcuni possono modificarsi nel tempo e sparire così come crearsene di nuovi. La nota positiva è che possono essere fatti sia a piedi che in mountain-bike.

#2 I Castelli

Per chi non l’avesse mai fatto è sufficiente salire il collina e allungare lo sguardo verso i paesi: Castiglione Falletto, Barolo, Serralunga, Grinzane, oppure Sommariva Perno, Baldissero, Monticello. Ogni abitato ha il suo castello…E chi non ce l’ha ha almeno una bella torre o un campanile che lo rende riconoscibile.

#3 Le Mangialonga

Se la più storica è quella di La Morra, ogni anno ne spuntano di nuove: passeggiate enogastronomiche all’insegna del buon cibo, e dell’allegria, il tutto condito da vino (tanto vino) e dalla partecipazione di turisti stranieri sempre più numerosi. Molte di queste iniziative sono serali, aspetto da non sottovalutare.

mangialonga_langhe

Sulle strade della Mangialonga

#4 Una terra da fotografare

Qui gli amanti della fotografia scattano in ogni stagione, specialmente a primavera inoltrata e in autunno. I soggetti preferiti? Il tramonto che accende di rosso le foglie delle viti a fine settembre e allunga le ombre dei castelli e del cedro di La Morra, le Rocche ed i boschi di castagni del Roero.

#5 La quiete

Senza allontanarsi troppo dalle città più popolose è facile godere ancora del silenzio e della quiete. D’estate può essere molto piacevole cercare riparo dalla calura in collina e di sera quando tutto tace, godere solo di una leggera brezza estiva, del canto dei grilli e della compagnia delle lucciole.

#5 Parlare con chi il vino lo fa

Durante le vostre escursioni sicuramente vi imbatterete Cantine con tanto di cartello “Degustazione Vini –  Wine Tasting”. Non esitate, entrate e vi si aprirà un mondo: quello dei piccoli produttori, delle cantine a conduzione familiare, dei “crutin” dove si fa invecchiare il vino.

#6 Alta Langa “terapeutica”

Un turista tedesco, incontrato lungo un sentiero a Murazzano qualche estate fa, raccontava di come si sentisse in pace con sé stesso dopo aver trascorso una settimana in una piccola casa sperduta in una borgata di Alta Langa dove i ritmi appaiono più rallentati rispetto ad altre zone, c’è meno frastuono e più tranquillità. Provare per credere.

mercato_sabato_alba_langhe

Banchi Frutta e verdura al mercato del sabato ad Alba sotto l’ala coperta

#7 I Mercati

I turisti amano girovagare tra le bancarelle dei mercati locali e non solo ad Alba e Bra: molti si spostano verso i piccoli paesi ed ecco che affollano i mercati più piccoli e tradizionali, come quello di Cortemilia, Dogliani o Costigliole d’Asti.

#8 Collisioni e gli appuntamenti culturali dell’estate

Il festival musicale e letterario Collisioni partito nel 2009 a Novello e oggi di casa a Barolo attira ogni anno sempre più persone e parla sempre più internazionale.

Sarà per la sua capacità di attrarre un pubblico eterogeneo, unendo cultura, musicasapori di Langa, ha porta sul suo palco ospiti italiani e internazionali.

Quali sono le vostre opinioni? Fatecelo sapere…Chissà che non esca qualche altra sorpresa interessante ed inaspettata.

Crediti foto: Mangialonga e Federico Carpino

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *