La Morra - Abbazia dell'Annunziata

L’abbazia dell’Annunziata

La Morra - Abbazia dell'Annunziata

La Morra – Abbazia dell’Annunziata

A tre chilometri da La Morra, lungo la provinciale per Alba, la frazione Annunziata è una meta da non tralasciare. Vi si trova il complesso romanico-barocco della ex abbazia benedettina di San Martino di Marcenasco: la chiesa con facciata secentesca, abside e campanile del secolo XV.

Restauri hanno portato alla luce nell’interno della chiesa parte delle primitive colonne con basamenti in pietra e una lapide romana del I secolo d.C., infissa nel pavimento davanti all’altar maggiore.

Nell’abside sono ricomparsi affreschi cinque-seicenteschi, mentre un’altra opera più antica, rinvenuta in un locale laterale – probabilmente la chiesa primitiva – fa spostare a qualche secolo più indietro la data di nascita del complesso benedettino.

Certo uno dei monumenti più significativi di tutta la Langa del Barolo, l’abbazia dell’Annunziata rappresenta il nucleo più antico del paese di La Morra: quando la parte alta della collina era ancora coperta di boschi, qui i monaci coltivavano vigne di nebbiolo, moscatello e pignolo, un vitigno ora pressoché estinto.

Ai piedi del complesso abbaziale si trovano i vigneti storici della Conca di Marcenasco, più in là la collinetta del Monfalletto; risalendo la collina lamorrese si incontrano i cru delle Rocche e di Arborine.

Nelle cantine dell’Abbazia – l’ingresso è di fianco alla facciata della chiesa – ha sede il Museo Ratti dei Vini d’Alba. Vi si racconta la storia della vite e del vino nella zona, evidenziandola attraverso antichi strumenti della vigna e della cantina, tavole ampelografiche, cartine dei vigneti. La collezione è stata curata da Renato Ratti, profondo conoscitore dei vini albesi, uno dei grandi personaggi del Barolo.

Crediti Foto: Langa Medievale

2 commenti
  1. Casale Ercole
    Casale Ercole dice:

    Ricordo quando vi era don Gallo negli anni ’60.Grande esperto e produttore di barolo.Ora vivo in friuli …e mi mancano quei grandi vini.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *