Vino e formaggio

Abbinamento enoico

Vino e formaggioIl settore abbinamenti è quanto mai difficile da imbrigliare, in quanto gioca un ruolo importante il piacere personale. Comunque dettiamo alcune regole fondamentali (che possono anche essere trasgredite, se è per piacere che lo facciamo).

Prima regola: il vino deve provenire dalla stessa zona o dalla stessa regione di produzione del formaggio. Ad esempio: la robiola d’Alba con un vino delle Langhe. E’ una regola che vale anche per le vivande. Significa rispetto del territorio e delle tradizioni: infatti gli alimenti non nascono a caso in una determinata terra. Concorrono usi, costumi, tecnologie particolari. Con gli scambi commerciali che ci permettono di assaggiare nuovi prodotti di tutto il mondo, tale regola diventa sempre più difficile da rispettare.

Seconda regola (o dei contrasti): formaggio piccante con vino aromatico; formaggio salato con vino dolce. Tuttavia, siccome piccante e salato spesso nei formaggi si accoppiano, e così pure per i vini il dolce e l’aromatico sono quasi sempre associati, ecco che tale regola investe in particolare i prodotti caseari erborinati e piccanti, a pasta piuttosto molle.

Terza regola: a formaggi freschi abbinare vini giovani e bianchi, a formaggi stagionati vini maturi e rossi.

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *