torino — via perrone 3

Folkclub: Sexmob

Una serata di improvvisazione con un quartetto visionario dagli USA: Sexmob

from Friday

21 October 2022

at 21:30

to Friday

21 October 2022

at 23:30

sexmob - eventi

Il festival

Fondato a Torino il 16 aprile 1988 da Franco Lucà e da questi gestito fino alla prematura scomparsa nel 2008, il FolkClub è diretto da Paolo Lucà, figlio di Franco.

Il Club conta oggi oltre 53.000 soci sparsi in Italia e in Europa.

Senza contare svariati festival e altre location, in oltre trent’anni di attività ininterrotta FolkClub ha proposto nello spazio torinese di Via Perrone 3 bis più di 1.500 concerti di svariati generi musicali (musica etnica, folk, d’Autore, acustica, blues, jazz, popolare, di protesta, sperimentale…) la maggior parte dei quali di rilevanza nazionale, internazionale e mondiale.

Steven Bernstein Sexmob (USA)

Ancora fiorente e in evoluzione a 25 anni dalla sua fondazione, il quartetto visionario Sexmob continua a far deflagrare tutte le nozioni preconcette su cosa possa essere una band jazz strumentale.

Emersi dalla scena del Knitting Factory nella metà degli anni ’90, il trombettista slide Steven Bernstein, il sassofonista Briggan Krauss, il bassista Tony Scherr e il batterista Kenny Wollesen hanno cambiato le regole del gioco con la loro grezza improvvisazione, ricca di groove e swing, con arrangiamenti infinitamente fantasiosi e uno strepitoso senso del divertimento, esibendo altissimi livelli musicali mentre allegramente superano tutti i rigidi confini di genere e gusto.

Organized by

Centro Cultura Popolare

Begins

21 October 2022

at 21:30

Ends

21 October 2022

at 23:30

How to participate

25,00 € live

13,00 € live minori di 30 anni

5,00 € streaming

Indirizzo: Via Perrone, 3, Torino, TO, Italia

Via Perrone, 3, Torino, TO, Italia
Directions ↝

Centro Cultura Popolare

Associazione culturale senza fini di lucro da sempre affiliata A.C.L.I. (pertanto è considerata Associazione di Promozione Sociale, o APS) votata alla ricerca e diffusione della cultura e delle tradizioni popolari. Sin dalla sua costituzione il CCP si pone attivamente all'interno di un vivace movimento nazionale di incentivazione, diffusione e riorganizzazione dell'intero settore folk. Al CCP sono da attribuire i primi corsi in Italia di canto, danza e strumenti popolari e il periodico di informazione FolkNotes, stampato ininterottamente dal 1986 al 2015.