Monticello d’Alba

Monticello è diviso in due agglomerati: uno alto, dove ha sede il municipio e la parte più antica del paese, dominata dal castello, e uno più recente, lungo l'asse che collega Alba e Bra.

Sotto il profilo storico-architettonico il vero protagonista è il castello, una delle costruzioni medioevali più imponenti e nel complesso più integre del Piemonte. Appartiene ai conti Roero dal 1372 e recentemente è stato aperto al pubblico. All'interno si possono ammirare un suggestivo cortiletto, la sala d'armi, il salone degli stemmi e quello dei biliardi.

La festa patronale di San Felice si tiene a fine luglio.

Storia

Fu uno dei più importanti possedimenti del Vescovo di Asti, che ne affidò il possesso ai "De Govono". Più tardi subentrarono i Malabaila, che furono scacciati da una sommossa popolare e dall'assalto dei Roero che acquistarono il feudo nel 1376. Il maniero è ancora in possesso della nobile famiglia di origini astigiane.

Carnevale - 1961