Camo

Situato sulla sommità di un colle a 471 metri di altitudine, Camo domina da sinistra la valle del torrente Belbo, poco a monte di Santo Stefano Belbo e con i suoi 240 abitanti è uno dei più piccoli paesi delle Langhe. Da qui lo sguardo spazia a trecentosessanta gradi su un mare di colline coltivate a vigneto e può spingersi, nelle giornate terse, fino all’orizzonte e alla corona delle Alpi dominata dal Monte Rosa.

L’economia prevalentemente agricola si concentra in particolare sulla coltura del vitigno moscato, da cui si ricavano i pregiati Asti d.o.c.g. e Moscato d’Asti.

La tradizionale festa del santo patrono - San Pietro in Vincoli - ha luogo la prima domenica di agosto.

Camo com'era

Comunello sopra alto monte, a 5 chilometri da Santo Stefano Belbo, con parrocchiale di San Pietro in Vincoli e Congregazione di carità. Selve di castagne, roveri e pini ; vini e frutta. Cave di pietra per pavimenti e balconi; arenaria bigio-scura.

Cenni storici. — Fu posseduto anticamente da Bonifacio marchese di Savona e successivamente dai marchesi Del Carretto, dal comune d’Asti e dai marchesi di Monferrato, finchè la pace di Cherasco lo diede ai duchi di Savoia. L’ ebbero in fendo i Beccarla, i Grattarola e gli Incisa conti di Grognardo.

Coll. elett. Cuneo III (Alba) — Dioc. Alba — P2 T. a Santo Stefano Belbo.

Gustavo Strafforello - La patria. Geografia d’italia. Provincia di Cuneo – Volume 1 – Torino 1891