Neviglie - Lo sposalizio mistico di Santa Caterina (Macrino)

Percorsi religiosi a Neviglie

Neviglie - Lo sposalizio mistico di Santa Caterina (Macrino)

Neviglie – Lo sposalizio mistico di Santa Caterina (Macrino)

CChiesa parrocchiale di San Giorgiohiesa parrocchiale di San Giorgio

La chiesa di San Giorgio fu edificata nel XV secolo dopo che i visitatori apostolici premettero più volte per spostare il luogo di culto di Neviglie dal concentrico – dove è ancora visibile l’antica parrocchiale di S. Michele – nel cuore della villa.

Il pezzo forte della parrocchiale è la magnifica tempra su tavola del Macrino d’Alba, raffigurante Lo sposalizio mistico di Santa Caterina di Alessandria.

Antica parrocchiale di San Michele

Antica parrocchiale di San MicheleA poca distanza dalla chiesa di San Giorgio sorge San Michele, un tempo antica parrocchiale di Neviglie. La chiesa, oggi appartenente alla Confraternita dei disciplianti, è detta anche Chiesa dei Battuti.

Cappelle agresti

Accanto alle chiese attorno a Neviglie si possono osservare alcune cappelle rinascimentali agresti, che assieme ai piloni votivi, venivano edificate lungo le principali vie di comunicazione e costituiscono una caratteristica tipica del “paesaggio religioso e culturale” delle colline di Langhe e e Roero.

Cappella di S.Antonio

Si tratta di un edificio in stile rinascimentale molto semplice. La cappella si trova lungo la strada che collega Neviglie a Mango e fu edificata tra il XV ed il XVI secolo. Fu utilizzata tra il 1630 e il 1635 per depositarvi i morti della peste fuori dal centro abitato, in attesa di sepoltura. La cappella, così come si presenta, è il risultato di continui ritocchi che si sono susseguiti nei secoli.

Cappella di S.Vincenzo

La cappella si trova lungo la strada per la località Bonora, un tempo utilizzata come strada principale per raggiungere Neive. La costruzione risale al XV secolo. Attualmente è in pessimo stato poiché ha subito il crollo del tetto e parte delle mura esterne.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *