Alba - Il Mercato del sabato mattina

Il mercato del sabato ad Alba

I banchi del mercato in Piazza del Duomo

I banchi del mercato in Piazza del Duomo

Quello di Alba è “il” mercato. Non è certo il più grande tra quelli che si tengono in Piemonte e neppure il più pittoresco di Langa e Roero, eppure è vissuto dalle popolazioni di queste colline come un appuntamento imperdibile.

Anche se oggi, in autunno, non ospita più  la parata impressionante delle bigonce cariche d’uva in paziente attesa dell’acquirente, non potrete dire di aver capito le colline del gusto se non vi sarete fatti largo tra la folla che popola il mercato del sabato, respirandone i profumi e gli odori e catturandone i suoni e gli strepiti.

Prima che vi lanciate tra le bancarelle nelle vie strette e tortuose è bene sapere che normalmente il mercato è molto affollato, quindi vi sconsigliamo di entrare in centro con la macchina, ma di parcheggiare leggermente fuori dal centro storico.

Le bancarelle nel centro storico

Le bancarelle di tessuti  nel centro storico

Muoversi nel centro storico

Il mercato albese è esteso, osserva l’orario dalle 6.30 alle 14.00 e le bancarelle del centro storico sono circa 200 di cui 54 alimentari.

Nonostante sia semplice muoversi tra le vie e piazze, vi proponiamo l’itinerario che parte da Piazza Savona, procede fino in Piazza del Duomo per poi svoltare in Via Cavour e dirigersi dapprima in Piazza Elvio Pertinace  ed in seguito verso le Piazze Marconi e Prunotto dove troverete i banchi del mercato ortofrutticolo.

Via “Maestra”

Ci incamminiamo da Piazza Savona e percorriamo Via Vittorio Emanuele, meglio conosciuta come Via Maestra. I banchi  sono posti al centro della via lasciando uno stretto passaggio ai lati. Il segreto per non rallentare il flusso delle persone che giungono dalla parte opposta è  mantenere la destra, proprio come in auto.

In questa zona le bancarelle espongono principalmente abbigliamento, accessori personali, bigiotteria, articoli per la casa, niente di particolarmente interessante o tipico.

Gli edifici ai lati della via raccontano storie più interessanti: si passa dai negozi di abbigliamento griffato ad una buona quantità di boutique alimentari, prodotti tipici e pasticcerie.  Alcuni dnomi sono ormai diventati storici:la Polleria Ratti, la Pasticceria Cignetti e Tartufi Ponzio.

Degna di nota la Chiesa in stile barocco di Santa Maria Maddalena.

Piazza del Duomo & Via Cavour

Via Maestra si apre sull’ampia Piazza Risorgimento (Piazza del Duomo). Qui si trova il Caffè Calissano, definito da Beppe Fenoglio “Il Caffè dei signori”, locale storico che ancora oggi mantiene i suoi pregevoli decori e arredi, ritrovo di campioni e appassionati di pallone elastico del passato.

Un giro tra le bancarelle della piazza , un’occhiata alla facciata del Municipio e scendiamo lungo via Cavour. Se volgiamo lo sguardo al cielo si notano, sebbene abbassate, alcune torri che contribuiscono a mantenere l’aspetto medioevale della città.

Il Mercato della Terra in Piazza Elvio Pertinace

Il Mercato della Terra in Piazza Elvio Pertinace

I banchi dei contadini

Una piacevole sorpresa è racchiusa in Piazza Pertinace che si raggiunge poco dopo svoltando a destra. Animata dal vivace Mercato della Terra che si svolge dal 2010 tutti i sabati dalle 9.00 alle 14.00. Si tratta di gazebo che racchiudono i banchi di una ventina di produttori delle aree circostanti Alba.

I venditori fanno parte di una rete internazionale coerente con la filosofia Slow Food che opera secondo i dettami del buono, pulito e giusto. Qui si possono acquistare formaggi, vini, conserve e trasformati tradizionali, prodotti da forno, miele e prodotti dell’alveare, frutta e verdura fresca, salumi, carni di struzzo e nocciole.

Al numero civico 3, si trova lo storico negozio Tartufi Morra fondato nel 1930 da Giacomo Morra, uomo d’affari d’altri tempi, che per primo intuì il potenziale del  tartufo bianco d’Alba, donando lustro al territorio delle Langhe.

Dalle sue mani, il tartufo ha conosciuto fama internazionale giungendo alle personalità illustri del jet-set internazionale: musicisti, uomini di cultura, presidenti.

Il mercato al coperto

Il mercato di frutta e verdura sotto la tettoia in Piazza  Garibaldi

Il mercato di frutta e verdura sotto la tettoia in Piazza Marconi

Ritornando su via Cavour e attraversando Piazza San Francesco posta sulla destra, si giunge in Piazza Marconi, sede del mercato ortofrutticolo. Sotto la tettoia viene ospitato un autentico tripudio di banchi di frutta, verdura e fiori, oltre a piccoli produttori di formaggi locali e miele. Sono presenti autonegozi refrigerati  riforniti alla stregua di gastronomie itineranti.

Poco più in basso, in Piazza Urbano Prunotto, di fronte alla caserma dei carabinieri si trova un secondo mercato coperto: circa 50 agricoltori espongono frutta, verdura e piante aromatiche, uova. Talvolta è possibile trovare pollame ed animali da cortile. Questa è anche la piazza dove si acquistano le macchine agricole.

La tradizione continua

Nonostante negli anni  abbia perso la sua tipicità e non si vedano più mediatori e produttori contrattare le partite di vino sfuso in Piazza Savona, venditori di bozzoli in Piazza Pertinace o di uve in Piazza San Paolo, il mercato di Alba continua a richiamare ogni sabato albesi, langaroli, roerini  ed un buon numero di turisti.

Oggi come più di un secolo fa ci si da appuntamento sotto l’orologio, all’angolo tra via Maestra e Piazza Savona o nei caffè per discutere, commentare fatti e persone o semplicemente osservare i passanti che affollano le vie del centro.

In autunno, durante la Fiera,  il padrone del mercato è senza dubbio il tartufo, esposto, fotografato  e venduto dai trifulau, tipiche figure di Langa con il loro inconfondibile stile.

Alcuni consigli

Come anticipato non è agevole spostarsi in auto durante i giorni di mercato. Raggiungere il centro a piedi, in bicicletta o con mezzi pubblici è la soluzione ideale dal momento che molte zone sono chiuse al traffico.

Di seguito sono suggeriti alcuni parcheggi, coperti e non, dove potrete tentare la fortuna!

  • Parcheggio coperto centro stazione ferroviaria inPiazza Trento e Trieste (a pagamento)
  • Parcheggio coperto centro in Piazza San Paolo (a pagamento)
  • Parcheggio in Piazza Medford di fronte Hotel I Castelli (libero)
  • Parcheggio di fronte Ospedale San Lazzaro (in parte a pagamento ed in parte libero)

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *