Risotto con le grive

Risotto con le grive

Prendete le grive, spennatele, sventratele e puntele per bene alla fiamma. In un tegame di rame fatele rosolare con un po’ di burro, dopo di che le coprirete di brodo lasciandole cuocere coperchiate per circa due ore.

Paté di fegato

Paté di fegato

Lavare bene, in acqua corrente, 500 grammi di fegato di vitello e di pollo (in parti uguali); tagliare a fettine sottili, rosolare nel burro con un rametto di rosmarino ed erba salvia; aggiungere mezzo bicchiere di Marsala e cuocere lentamente per venti minuti.

Brodo

Brodo

Si pongono a freddo i pezzi di carne di manzo scelti per fare il brodo in una pentola grande piena per due terzi di acqua salata, e si porta all’ebollizione dopo aver aggiunto gli aromi (cipolla, sedano e rosmarino).

Fritto misto alla Piemontese

Fritto misto alla piemontese

E’ il più barocco dei piatti albesi; barocco per l’abbondanza e la varietà dei componenti, barocco per la ricchezza sovrabbondante dei sapori, talora anche contrastanti, agretti, dolci, amarognoli.

Latte di capra

Brossina

Da ottobre in avanti il latte di pecora salato, messo in una “topina”, si rimesta ogni giorno con un bastoncino di fico decorticato, a cui si è lasciato attaccato in punta un fico verde non maturo, per una settimana o più, finché il latte si coagula.

Bunet

Il Bonet

Il bunet è un budino di antichissima tradizione, tipico del Piemonte, a base di uova, zucchero, latte, liquore (solitamente rum) e amaretti secchi. Può presentarsi con o senza cioccolato o cacao.

Zuppa inglese

Zuppa inglese di La Morra

Si tratta di un dolce particolare, senza la marmellata di albicocche, il rhum e l’alkermes della ricetta albese. Servite la zuppa inglese fredda con un bicchiere di Moscato d’Asti o un bicchierino di Moscato passito.

Timballo di pere Martine

Il Timballo di pere “Martin Sec” è un’altra delle tantissime ricette che ci regala la zona delle Langhe, infatti la varietà di pere “Martin Sec” sono tipiche di questa zona e sono adatte a molte preparazioni in cucina.

Maiale al latte

L’arista di maiale al latte è un secondo piatto della tradizione italiana. Il piatto va servito caldo: una fetta irrorata della sua salsa e guarnita di fettine di mele fritte.

Finanziera alla Cavour

Finanziera

La finanziera appartiene alla cucina borghese del secolo scorso, quando a Torino erano appunto gli uomini dell’alta finanza a cibarsene.

Agnolotti al sugo d'arrosto

Agnolotti al sugo d’arrosto

Si arrostiscono le carni di vitello e di maiale a fuoco vivace fino a doratura per 10-15 minuti, con olio, 3 spicchi d’aglio, rosmarino, sale e pepe, poi a fuoco tranquillo per un’ora abbondante bagnando, all’occorrenza, con brodo.

Lingua di maiale al Barolo

La lingua è uno dei tagli considerati a torto meno pregiati, ma che invece possono essere trasformati in piatti gustosi e nello stesso tempo economici.

Taleggio DOP

Rollatine al taleggio e tartufo nero

Battete le fettine di vitella e spianatele. Prendete il Taleggio e tagliatelo a “bastoncino”, ricavato tagliando a metà e per lungo una fetta di formaggio.

Torrone

Torrone

Il torrone è un dolce, principalmente natalizio. È composto da un impasto di albume d’uovo, miele e zucchero, farcito con mandorle, noci, arachidi o nocciole tostate; spesso ricoperto da due ostie.