Pastiera napoletana

Pastiera napoletana

Le leggende che narrano la “creazione” della pastiera sono molto affascinanti. Si narra che la sirena Partenope incantata dalla bellezza del Golfo di Napoli decise di stabilirsi li e deliziasse gli abitanti con il suo meraviglioso canto.

Risotto agli asparagi

Risotto agli asparagi

Ingredienti 300 gr di riso un mazzo di asparagi olio scalogno brodo vegetale burro parmigiano Procedura Lavate e mondate gli asparagi, eliminando la parte legnosa del gambo. Separate quindi le sommità degli asparagi e tenetele da parte. Tritate lo scalogno e soffriggetelo in un tegame a fuoco basso nell’olio. Aggiungete i gambi degli asparagi tagliati […]

Involtini di bresaola con formaggio caprino

Involtini di bresaola e caprino

In una ciotola mettete un cucchiaio di olio, un cucchiaino di aceto e uno di succo di limone e mescolare il tutto con una forchetta.
Assaggiate il composto e regolate il sapore secondo il vostro gusto personale, eventualmente aggiungendo uno o più dei tre ingredienti.

Risotto alla piemontese

Risotto alla piemontese

Tritate sottili le cipolle, con il rosmarino le si fanno rosolare in una casseruola di rame in cui si è preventivamente fatto sciogliere il midollo.
Si aggiungano i pomodori, la salsa di pomodoro e, al tutto, il riso, a cui si fa assorbire il condimento.

Polpa di maiale trita

Saccoccia di vitello ripiena

Fatevi preparare la tasca dal macellaio: si tratta di una parte del vitello particolare, a forma triangolare e piatta. Il macellaio provvede a praticare un taglio all’interno per ricavare la saccoccia vera e propria.

tartara dolce

Tartara dolce

Si sbattono con la frusta nella casseruola di rame a fondo tondo del bagno marìa i tuorli d’uovo con lo zucchero sino a che assumano una colorazione biancastra e consistenza schiumosa.

Pollo alla cacciatora

Pollo alla cacciatora

E’ un caratteristico piatto autunnale, quando gli ultimi pomodori sono in piena maturazione nell’orto ed i galletti delle prime nidiate primaverili sono cresciuti bene, teneri, senza grasso.

Panna cotta

Panna cotta

Ponete la panna e tutto lo zucchero in una casseruola, mettete la casseruola sul fuoco e rimestate fino a che tutto lo zucchero non si è sciolto; questo avviene quando la panna ha quasi raggiunto l’ebollizione.

Minestrone di fave

Minestrone di fave

Togliete il baccello ad un chilogrammo abbondante di fave fresche, sbucciatele e gettatele in acqua bollente. A parte prendete una cipolla, del sedano, una carota, due zucchini, tre patate e tagliateli a quadrettini.

Gnocchi al Tonno

Gnocchi al tonno

Si fanno bollire le patate, che si pelano poi calde e si fanno passare al setaccio. Si impastano con farina ed un uovo lavorandole con le mani; dalla pasta così ottenuta si prendono piccole manciate lavorandole ancora in modo da farne dei piccoli cilindri sottili.

Cipolle ripiene

Cipolle ripiene

i fanno lessare a metà cottura le cipolle; si tagliano orizzontalmente a metà e si svuotano dell’interno. A parte si prepara il ripieno formato da arrosto, salame cotto, interno delle cipolle preventivamente cotto, aglio, uova, prezzemolo, il tutto preventivamente tritato.

Coniglio ai peperoni

Coniglio con peperoni

E’ uno dei piatti più tipici, più diffusi ed anche uno dei più graditi della nostra cucina, come il pollo alla cacciatora. E’ semplice da preparare e non crea complicazioni con le stagioni: i conigli in cascina ci sono sempre.

Anitra di Palmina

Anitra di Palmina

Cotta come insegna la ricetta, è sapida e senza fastidio di grassi, gradevolissima al palato, armonica nella fusione dei suoi componenti molto semplici come in quasi tutti questi piatti langaroli.

Caponet

Ingredienti sedici fiori di zucchini carne cotta gr 300 salame cotto gr 100 una manciata di prezzemolo uno spicchio d’aglio due uova due manciate di formaggio parmigiano grattugiato olio Cosa serve una insalatiera una padella di ferro un cucchiaio una mezzaluna un asse da tritare Procedura Si prendono dei bei fiori di zucchini e si […]

Vassoio di Formaggi

Vassoio di formaggi

Il vassoio deve contenere due formaggette di Murazzano, una fresca ed una stagionata, una fetta di Bra tenero ed una di Bra duro, una fetta di Raschera ed una fetta di Castelmagno.