Montebianco o Montblanc

Monte Bianco (Montblanc)

Ingredienti

  • 500 gr di castagne secche (garassine)
  • un pizzico di sale
  • 300 ml di latte
  • 60 gr di zucchero
  • 5 cucchiai rum
  • 4 cucchiai cacao amaro
  • panna montata e marrons glacés per decorare

Procedura

Questa ricetta, di tradizione francese e piemontese, è molto adatta al periodo freddo in quanto le castagne sono un frutto tipicamente invernale.

Per cominciare, lessare le castagne in acqua leggermente salata nella pentola a pressione per circa 25 minuti dal fischio della pentola. Trascorso tale tempo, se le castagne non risultassero ancora morbide, continuare la cottura senza coperchio. (Se non si dispone della pentola a pressione i tempi di cottura raddoppiano).

Scolare le castagne, cercare di togliere le eventuali pellicine scure e passarle ancora calde nel passaverdure.

Raccogliere il composto in una pentola piuttosto ampia, aggiungere poco alla volta il latte, lo zucchero, il cacao e il rum mescolando tutti gli ingredienti. Mettere la pentola sul fuoco molto basso, continuare a mescolare, e fare asciugare il composto che alla fine deve risultare ben sodo.

A questo punto, mettere il composto in frigorifero fino al momento di servire.

Per quanto riguarda la presentazione finale, questo dolce si presta sia alle monoporzioni, sia ad essere presentato in un unico vassoio. In ogni caso, la procedura per l’impiattamento è la seguente: formare un monticello con il composto di castagne, ricoprirlo di panna montata e decorare con pezzetti di marrons glacés.

E’ preferibile unire la panna montata al momento di servire. Se avanza del composto potete tenerlo in frigorifero ricoperto di pellicola e unirvi la panna solo quando lo consumerete.

Un consiglio

Dopo aver unito le castagne con gli altri ingredienti, assaggiate il composto: è infatti possibile aggiungere zucchero, rum o cacao secondo il proprio gusto e il “carattere” che si vuole conferire al Monte Bianco.

Crediti Foto: Matsuoka Kohei

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *