Ricerca del tartufo bianco d'Alba

Un’escursione fra i boschi di Langa & Roero a caccia dello sfuggente fungo ipogeo.

La ricerca del tartufo

Pier Carlo Vacchina ed il suo amato tabui ti faranno vivere un’esperienza unica.

Accompagna il Trifulau e il suo cane in una passeggiata fra le tartufaie naturali di Langa e Roero.

Nella cornice delle Colline UNESCO, scoprirai le caratteristiche del tartufo, la sua storia e le tecniche per cercarlo (e trovarlo).

Al termine dell’esperienza, potrai provare l’inebriante sensazione della vittoria, quando finalmente il cane sotterrerà il misterioso fungo.

Andar per tartufi in Langa

Come funziona la cerca

La ricerca si svolge di giorno, in collaborazione con l’Associazione Trifulau Colline di Langa, con orari che vanno dalle 8:00 alle 20:00.

Il vero protagonista dell’escursione è il cane, soprannominato Tabui in gergo, che detta il passo della comitiva, muovendosi fra gli alberi e annusando alla base dei tronchi.

Dopo aver passeggiato per il bosco, spesso con numerosi “avanti e indietro”, il Tabui rimane folgorato dal profumo in un punto preciso, e inizia a smuovere leggermente la terra per attirare l’attenzione del trifualu.

Questi arriva poi con il suo sapin (la zappetta) e con molta delicatezza apre la buca nel punto dove il cane aveva iniziato a scavare, tirando fuori il tartufo con le mani e provocando la consueta esplosione di profumo.

La ricerca del tartufo è simulata, nel senso che i tartufi vengono preventivamente interrati dal trifulau, in modo da poter dare dimostrazione del proprio lavoro e di quello del tabui (cane da tartufi).

Visto che la ricerca si svolge in una tartufaia naturale, è possibile che vengano ritrovati anche dei tartufi non interrati artificialmente, ma cresciuti naturalmente sul posto.

Attenzione

Non fidarti di chi racconta che ti farà fare una “vera” ricerca del tartufo non simulata.

I sentieri e i luoghi di ricerca sono segreti custoditi gelosamente da ogni trifulau, ed è poco probabile che siano disposti a “svenderli” al primo che passa.

Dettagli

Di seguito, trovi tutte le informazioni riguardo a questa magnifica esperienza.

1

Periodi di ricerca

Tartufo nero: tutto l’anno, escluso il periodo che va dal 15 marzo al 15 maggio. Tartufo bianco d’Alba: nei mesi di Ottobre, Novembre e Dicembre.

2

Dove

La ricerca si svolge nelle tartufaie naturali di Barolo, Neive o Trezzo Tinella. Sarà il trifulau a scegliere la location.

3

Orari e durata

Tutti i giorni, dalle 8:00 alle 20:00. La ricerca dura circa 1h / 1,30, ma deve essere prenotata con qualche giorno di anticipo.

4

Lingue parlate

Oltre che in italiano, si può richiedere l'interprete e svolgere la ricerca in inglese, tedesco, francese, spagnolo, russo.

5

Prezzi (IVA inclusa)

122,00€ per due persone + 12€ per ogni persona aggiuntiva. Bambini fino a 10 anni: gratis. Eventuale interprete: 122€.

6

Pagamento

Il pagamento deve essere effettuato all’atto della prenotazione con paypal o carta di credito.

Andare per boschi alla ricerca del Tartufo, sia esso bianco o nero, è una delle esperienze emozionali più intense che il nostro territorio può regalare.

 

 

Prenota la ricerca

Compila il modulo e parti per la tua esperienza. L’e-mail di conferma della prenotazione conterrà il nome e il recapito del Trifulau accompagnatore e il luogo del ritrovo.

Gruppi

Sopra alle 15 persone è consigliabile dividere il gruppo.

La prenotazione deve essere effettuata separatamente, compilando il modulo per ciascuna comitiva.

Disdette del cliente

Entro 10 giorni dalla prenotazione sarà restituito l’intero importo pagato.

Da 9 a 3 giorni sarà restituito il 50%, al netto delle commissioni.

Con meno di 3 giorni di preavviso sarà trattenuto l’intero importo pagato.

Disdetta del trifulau

Per qualsiasi motivo (per esempio condizioni meteorologiche sfavorevoli), comporterà il rimborso totale dell’importo pagato.

Altre informazioni

Il ritardo di oltre 30 minuti, rispetto al convenuto da parte del prenotante, comporta l’annullamento della ricerca senz’alcun rimborso dell’importo pagato.

I tartufi rinvenuti nel corso della ricerca sono di proprietà del trifulau accompagnatore.