Agnello con i carciofi

Agnello con i carciofi

Una ricetta perfetta per l’agnello, adatta al menu di Pasqua ma ottima per tutta la primavera, per sfruttare appieno la bontà dei carciofi. Una preparazione non elaborata ma che richiede una cottura lenta e controllata per far fuoriuscire al meglio tutto il sapore della carne di agnello e dei carciofi.

Orion - peperoni e cipolle

Orion

Si prenda un kg di testina di maiale con l’orecchia e la si faccia lessare in acqua con sale, fino a cottura completa. A parte, si prepari una salsa con una cipolla, quattro spicchi di aglio, un etto di acciughe, una manciata di prezzemolo e un po’ di rosmarino tritati molto fini.

Arrosto di vitello alle nocciole

Arrosto di vitello alle nocciole

Ingredienti 800 g di noce di vitello 50 g di burro 100 g di nocciole mezzo litro di latte mezza cipolla 2 o 3 cucchiai di Marsala sale Preparazione Preparate un soffritto con la cipolla e il burro e fatevi rosolare accuratamente la noce di vitello, bagnando di tanto in tanto con il Marsala. Quando […]

Bollito Misto

Bollito

Scegliete delle parti di vitello della coscia, un pezzo di scaramella, di coda, un po’ di testina, di culaccio e di muscolo; immergeteli in acqua calda salata e fate bollire per parecchie ore, con un po’ di prezzemolo, sedano, cipolla, un pezzo di rosmarino.

Lepre al Civet

Lepre al civet

La lepre deve essere stata frollata opportunamente prima di farla in civet. Tagliatela quindi a pezzi e mettetela in una capace terrina per la marinata; aggiungete allora il vino rosso Nebbiolo fino a coprirla e verdure a pezzi.

Cinghiale al Barolo

La carne di cinghiale è molto utilizzata nel nostro Paese e viene preparato in tanti modi perchè le sue carni si prestano ad essere preparate in modo differente a seconda delle regioni. In questa guida ti indico come prepararlo con il Barolo, ricetta tipicamente piemontese.

Pernice in salmì

Pernice in salmì

Arrostire in una casseruola di rame le pernici con olio, burro, sale e pepe. Aggiungere il cuore e il fegato della pernice, un’acciuga e un mazzetto di odori, cipolla e aglio. Far rosolare bene tutto bagnando ogni tanto con un po’ di vino Marsala e un po’ di brodo alternati.

Brasato al Barolo

Brasato al Barolo

Il brasato al barolo è uno dei piatti tipici della cucina tradizionale piemonte: laborioso nella preparazione, ma in grado di rivelarsi una piacevole sorpresa per il palato dei commensali specie se accostato all’omonimo vino.

Trippa

Trippa

Calda e gustosa, la si assaporava lentamente, seduti o anche solo accovacciati, tenendo la grossa scodella, bianca o più spesso a fiorami blu, appoggiata sulle ginocchia. Una scodella costava pochi soldi o, più tardi, poche lire e offriva un nutrimento consistente.

Pollo alla cacciatora

Pollo alla cacciatora

E’ un caratteristico piatto autunnale, quando gli ultimi pomodori sono in piena maturazione nell’orto ed i galletti delle prime nidiate primaverili sono cresciuti bene, teneri, senza grasso.

Lepre al Civet

Lepre al civet

Si taglia la lepre a pezzi, avendo però avuto cura, quando la si è scuoiata, di raccogliere il sangue che serve a metterla in infusione, un giorno o due prima della cottura, con vino Dolcetto, fino a coprirla.

Fritto misto alla Piemontese

Fritto misto alla piemontese

E’ il più barocco dei piatti albesi; barocco per l’abbondanza e la varietà dei componenti, barocco per la ricchezza sovrabbondante dei sapori, talora anche contrastanti, agretti, dolci, amarognoli.

Finanziera alla Cavour

Finanziera alla Cavour

Pare che si dica “finanziera” perché al Cambio, famoso ristorante un po’ esclusivo di Torino, veniva servita in particolare ai personaggi della finanza locale che la gradivano molto, come a dire “la pietanza dei grossi finanzieri”.

Capretto arrosto

Capretto arrosto

Si prende un capretto da latte di alcune settimane, del peso di 7-8 chilogrammi, ucciso e liberato dalle interiora; lo si tiene per 4-5 giorni in frigorifero, indi si spella e si taglia a quarti.

Coniglio ai peperoni

Coniglio con peperoni

E’ uno dei piatti più tipici, più diffusi ed anche uno dei più graditi della nostra cucina, come il pollo alla cacciatora. E’ semplice da preparare e non crea complicazioni con le stagioni: i conigli in cascina ci sono sempre.