Espresso House ad Alba: Conoscere ed amare il caffè

In una terrazza di via Maestra ad Alba si trova la caffetteria Vicolo Dell’Arco. E’ impossibile non rimanere incantati dallo stile vintage dell’arredamento e dalla sua atmosfera retrò.
Si ha l’impressione di trovarsi in un “Café Des Artistes” parigino.

La peculiarità della Caffetteria è data dalla vasta offerta di stravaganti tipologie di caffè, provenienti da tutto il mondo e serviti dopo variegate ed affascinanti metodi di preparazione.

Abbiamo incontrato Matteo che è un esperto in materia ed ha deciso di condividere la propria conoscenza in un percorso organizzato in una serie di serate formative che fanno parte di un progetto chiamato “Espresso House”.

Quando nasce la tua passione per il caffè?

La passione per questa bevanda nasce da un percorso iniziato diversi anni fa rafforzato grazie ad una precedente esperienza lavorativa che mi ha consentito di confrontarmi con il settore della torrefazione a livello internazionale.

Il caffè accompagna i miei ricordi legati a particolari momenti vissuti con famigliari e amici, inoltre con il tempo ho capito che questa bevanda non è solamente legata ad una “necessità” ma spesso è un atteggiamento rituale: il caffè coinvolge riti e tradizioni, feste e religioni. Del resto, una semplice tazzina è un’occasione per incontrasi o concedersi una pausa.

Hai avuto l’opportunità di viaggiare molto nella tua vita. Un aneddoto particolare da raccontare o un luogo che ti ha lasciato qualcosa di speciale?

Una caratteristica della caffetteria, è una filosofia che vorrei passare grazie ad un viaggio del luglio 2011, dove mi recai in Corea del Sud per una tesi universitaria.

Incontrai lo Chef Ji-ho presso il suo rinomato ristorante “Sandang” a Seoul: obiettivo dell’incontro “la filosofia e lo stile di vita che poggiano sulla salute e la guarigione attraverso il cibo”.  Anche una bevanda come il caffè è da intendersi non solo come un viaggio ma anche come una legenda in quanto deriva da tanti anni di esperienza” e per assaggiare una bevanda, ci vuole un viaggio dal campo fino alla tavola.

Bisognerebbe sempre considerare il valore di ciò che troviamo in una “semplice” tazzina poiché dentro v’è l’animo di chi lo ha preparato.

Aspetti più gratificanti della tua attività? Come valuti esperienza della caffetteria?

La caffetteria ruota attraverso una ricerca costante con la quale sperimento il caffè in tutte le sue forme utilizzando sistemi di estrazioni provenienti da diverse parti del mondo, accostandolo ad aromi naturali oppure interpretando ricette che rappresentano una particolare regione italiana.

Sono contento che “le lavagnette”, dove sono indicate tutte le proposte del locale, ovvero le svariate tipologie di caffè, sono molto apprezzate da un pubblico che varia da giovanissimi ad anziani. Ogni settimana è possibile trovare un cambiamento dell’offerta prodotto e particolarità che arrivano dall’estero sempre con il fine di invitare l’ospite a rilassarsi.

Parliamo ora del progetto “Espresso House”: Come sono strutturate le serate? Che cosa si deve aspettare un ipotetico partecipante?

Espresso House nasce in particolar modo per poter offrire un’opportunità di conoscere più da vicino la bevanda più consumata al mondo: l’attenzione si sposta dunque su laboratori di assaggio, preparazioni con estrattori provenienti da tutto il mondo o suggestive riproduzioni di rituali sul caffè.

Il mio intento è dimostrare che anche “per un paio d’ore” si può intraprendere un viaggio in una piantagione brasiliana oppure in una tribù etiope.

Che cosa hai in mente per il nuovo anno appena incominciato?

La caffetteria vorrà diventare, col tempo ed esperienza, un “bicerin” tutto albese. Non sarà certo una “fotocopia” ma una versione dove arte ed emozioni si incontreranno per poter creare l’ambiente giusto per un caffè.

Il 2017 sarà un anno ricco di novità, progetti ed eventi: Tra non molto si avrà occasione, per esempio, di sperimentare una modalità di consumo, rara per il suo genere. Svelerò i dettagli e darò maggiori informazioni molto presto attraverso la pagina Facebook della caffetteria.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *