Cena di Carnevale

La cena di Carnevale

Cena di Carnevale

L’ultima settimana di Carnevale, quella che va dal giovedì al martedì grasso, costituisce un’ottima occasione di cene e ribòte (festicciole tra amici a base di solenni abbuffate). Inoltre, i mesi di gennaio e febbraio che preludono e che sono già a tutti gli effetti di Carnevale, in quanto le feste carnevalesche iniziano dopo l’Epifania e terminano alla mezzanotte che dà sul mercoledì delle Ceneri, questi mesi sono detti anche del maiale.

E’ nel periodo invernale che il suino, ormai ingrassato a puntino, viene ucciso e lavorato per la fabbricazione dei salami e dei cotechini; ma le frattaglie devono essere consumate fresche: ecco nascere piatti indimenticabili: le frisse, gli orion (le orecchie e la coda), i batsoà. In questa sina ‘d Carvé ho voluto abbinare le due ricorrenze: l’uccisione del maiale e il Carnevale.

Manca, nel menu, un piatto tradizionalissimo, la salsiccia, con la quale legavano chi veniva sorpreso a lavorare l’ultimo giorno di Carnevale, oppure il tacchino che era appeso vivo sul tracciato della lesa (pista per gli slittini da neve), al quale veniva strappato il collo dal guidatore della slitta in corsa; e ancora il salam ‘d le cone (salame di cotenna), una vera leccornia peraltro ancora rintracciabile presso le salumerie locali.

La lista proposta, consapevole che le pietanze citate sono molto appetitose e nel contempo piuttosto caloriche per l’abbondanza dei grassi e delle proteine, pone tra gli antipasti le frisse e i batsoà, che vengono poi accomodati nello stomaco da una buona tazza di brodo bollente di carni di vitello o di gallina. Gli agnolotti al sugo d’arrosto rappresentano una classica vivanda di Carnevale; segue il maiale al latte guarnito di rondelle e fettine di mele fritte. Poi una zuppa inglese tutta lamorrese e le busìe (bugie) da gustare a fine pasto. Infine la frutta in bornia – ossia sciroppata.

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] La cena di Carnevale | Langhe.net […]

  2. […] La cena di Carnevale | Langhe.net […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *