Bottega Dolcetto Dogliani

La Bottega del vino Dolcetto di Dogliani

Bottega Dolcetto Dogliani

Se siete appassionati di vino e vi trovate in Langa, dovete visitare la Bottega del vino a Dogliani.

La sede è nelle cantine sotterranee dell’ex-convento dei Carmelitani costruito nel XVI secolo, sotto il Municipio e a fianco della Chiesa dei SS. Quirico e Paolo.

Il sotterraneo è molto suggestivo, le pareti e le volte con i mattoni a vista creano un’atmosfera raccolta e accogliente, simbolo della tradizione e della storia di questo vino.

Il primo documento storico che attesta l’esistenza del vino Dolcetto risale al 1593. Si tratta di un’ordinanza emanata dalla Municipalità di Dogliani nell’agosto 1593, in cui veniva disciplinata la raccolta dell’uva per impedire l’errore di una vendemmia anticipata.

Con la frase “Niuno ardischi vendemmiar le uve avanti al dì di San Matteo” si faceva infatti divieto assoluto di staccare dalle viti le uve che non fossero ancora giunte alla loro piena maturazione. I contravventori sarebbero stati puniti severamente, con la confisca dell’intero raccolto!

La nascita della Bottega

La Bottega nasce come un’associazione tra i vari produttori del Dolcetto di Dogliani nel 1984, dieci anni dopo la creazione della Doc Dolcetto di Dogliani, per promuovere questa nuova denominazione.

Nel 2012 si affianca consorzio “Bottega del vino Dogliani” tra le aziende produttrici per curare maggiormente l’aspetto di promozione della nuova denominazione Dogliani DOCG. 

La differenza tra le due denominazioni rappresenta il tentativo di dare maggiore riconoscimento a un vino spesso sottovalutato nel panorama enologico nazionale e internazionale ma che ha dimostrato di avere grandi potenzialità.

Un viaggio nel Dolcetto di Dogliani

Bottega Dolcetto Dogliani

Fare una visita in Bottega permette di fare un viaggio per le colline di Dogliani e dei comuni circostanti dove si coltiva questa Doc. Possiamo infatti avere un panorama su più di 40 produttori di Dolcetto, ognuno con le sue caratteristiche e peculiarità.

Accanto ai produttori più rinomati che negli anni hanno saputo conquistarsi un posto anche nel mercato internazionale, possiamo trovare cantine più piccole e più difficili da reperire nei tradizionali canali di vendita.

Spesso però queste cantine possono regalare autentiche sorprese per la qualità della loro produzione. Tra queste, vi consigliamo una visita a:

Cà Neuva

Cà Neuva

La degustazione guidata nella Cantina Cà Neuva

Cantina storica di Dogliani dove la famiglia Abbona iniziò a occuparsi di viticoltura già da fine ‘800. Cà Neuva oggi è una tipica cascina di Langa dove vengono prodotti i vini rappresentativi del territorio: Barolo, Dolcetto, Nebbiolo, Barbera e Arneis.

> Per maggiori informazioni e prenotazioni clicca qui

Bricco del Cucù

Chiara, Dario e Irene Sciolla - Bricco del Cucù

Chiara, Dario e Irene Sciolla – Bricco del Cucù

La cantina della famiglia Sciolla è unica per la proposta di visita che offre: il tour dell’azienda con la degustazione dei vini di uve Dolcetto vinificate sia in purezza, sia assemblate alle uve Merlot, esclusive proposte culinarie caserecce e la visita privata a uno dei tesori gotici più importanti del Piemonte.

> Per maggiori informazioni e per prenotazioni clicca qui

Un’ottima occasione per lo shopping

Spesso chi prova il Dolcetto di Dogliani rimane colpito dal rapporto qualità/prezzo di un vino che fatto con la stessa cura riservata ai vitigni più famosi, come il Barbera d’Alba o il Nebbiolo, ma che mantiene prezzi più bassi.

La Bottega permette di acquistare le bottiglie a prezzo di cantina ma con la scelta di un’enoteca. Ovviamente la visita in cantina rimane il modo migliore per conoscere un produttore, ma spesso non sia ha il tempo di visitare tutte quelle che si vorrebbe!

Inoltre in Bottega è possibile comprare anche poche bottiglie, magari di produttori diversi e farsi un’idea di quali cantine possano essere più interessanti.

Orari e contatti

Solitamente la Bottega è aperta dal venerdì al sabato, ma nei mesi di settembre e ottobre apre tutti i giorni.

Prima di recarsi in visita, consigliamo di consultare il sito per controllare gli orari o prenotare una visita in comitiva.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *